makeup

   

 

 

gonfiore gambe

 

 

Rimedi per gonfiore alle gambe

 

Le cause

Il gonfiore alle gambe e alle caviglie e' spesso legato a un problema di circolazione e insufficienza venosa: il sangue risale con maggiore difficolta' dalle zone periferiche al cuore e la parte che si trova nelle piccole vene e nei capillari congestionati tende a fuoriuscire dai vasi, formando un edema.

Questo problema e' spesso determinato da fattori ereditari: per costituzione il tessuto delle vene e' meno tonico. Il sangue fatica a risalire e tende ad accumularsi a livello dei vasi sanguigni periferici. Una parte di esso, il plasma, si accumula nei
tessuti causando il gonfiore.

Anche lo stile di vita puo' aggravare il problema: stare molte ore in piedi impedisce il flusso del sangue verso l'alto. Ma anche rimanere a lungo seduti, specialmente con le gambe accavallate, rappresenta un ostacolo alla circolazione.
Se il gonfiore e' persistente, e si associa ad altri sintomi quali astenia, sonnolenza, ittero, e' meglio ricorrere a esami approfonditi per identificare eventuali problemi renali.

E' un sintomo comune a molte donne: una fastidiosa sensazione di gonfiore alle gambe, piu' frequente nei mesi caldi, spesso associata a dolori muscolari e articolari, irrequietezza notturna e formicolio. Il disturbo compare piu' facilmente prima delle mestruazioni e interessa soprattutto chi trascorre molte ore in piedi.

Gambe: I Rimedi

Gambe: L'ALIMENTAZIONE

Per contrastare la formazione di edemi bisogna eliminare gli alimenti che favoriscono la ritenzione dei liquidi (carni rosse, salse, formaggi stagionati, cibi fritti, cioccolato, alcol). Vanno invece consumate in abbondanza frutta e verdura, preferibilmente crude. Si consiglia inoltre di ricorrere a metodi di cottura semplici.

Gambe: LA DIETA
Per eliminare i liquidi in eccesso, depurare l'organismo e raggiungere o mantenere il peso forma, occorre consumare circa 13001400 calorie al giorno, privilegiando il consumo di carboidrati, frutta e verdura. Di seguito, diamo l'esempio di un giorno tipo di dieta.

Un giorno tipo

COLAZIONE: caffe'; un vasetto da 125 g di yogurt magro alla frutta; una tazza di tisana di ortica.
SPUNTINO: un centrifugato preparato con acqua e 200 g di ananas.
PRANZO: 100 g di conchiglie primavera condite con 4 pomodorini, una carota, un porro, un sedano e mezza cipolla tagliati finemente e rosoati in olio extravergine d'oliva; 250 g di zucchine al vapore.
CENA: 140 g di stracchino; 200 g di zucca al vapore; 60 g di pane integrale.

Bere per disintossicare l'organismo
Bere almeno un litro e mezzo di acqua al giorno e' senza dubbio molto importante, perche' aiuta a depurare e disintossicare l'organismo in generale. Cio' e' ancora piu' vero se si soffre di gonfiore sia a livello dell'addome, sia degli arti superiori e inferiori.
Va pero' precisato che non tutte le acque sono uguali e chi soffre di edemi deve scegliere quelle oligominerali, che facilitano l'eliminazione di liquidi.
Oltre all'acqua, chi soffre di gonfiore puo' bere succhi di frutta, spremute e centrifugati di frutta e verdura, tutte bevande che apportano all'organismo anche preziosi sali minerali e vitamine.

Un aiuto dalla natura
Ottimi risultati si ottengono utilizzando, sotto forma di tisane o infusi, la lobelia, l'ortica, il biancospino, la pilosella hieracium e il gambo di ananas, che contiene una sostanza altamente diuretica, la bromelina. Tutte queste piante hanno una spiccata azione diuretica e depurativa. Tisane e infusi vanno bevuti 2 volte al giorno, prima dei pasti.
• Utili per sconfiggere il problema della ritenzione idrica sono il kelp e l'alfaalfa, due alghe ricche di sali minerali e dotate di spiccata azione diuretica; si trovano in vendita sotto forma di compresse o di granuli pronti per preparare tisane, da bere 2 volte al giorno.
• Se i gonfiori sono dovuti alla vasodilatazione, prima di andare a dormire immergere piedi e gambe nell'acqua tiepida con 100 grammi di bicarbonato e 25 grammi di allume.
• In alternativa fare un pediluvio a base di alghe laminarie (il preparato si trova in erboristeria). Utile anche una tisana di coda cavallina (equisetum arvense), da bere la sera o la mattina appena sveglie. Se ne mette un cucchiaio in una tazza d'acqua bollente.
• Durante il riposo notturno fare in modo che il materasso sia sollevato di circa 15 centimetri dalla parte dei piedi (mettere 2 zeppe sotto i piedi del letto).

L'automassaggio
Da eseguire alla mattina e alla sera o nei momenti di pausa della giornata. Bisogna sedersi comodamente, togliersi le scarpe e iniziare a massaggiare ciascun arto partendo dalla pianta del piede ed esercitando una pressione con entrambe le mani verso l'alto. In questo modo si facilita il ritorno venoso, si elimina il ristagno del sangue e si evitano i gonfiori.
E' utile anche appicare una crema antifatica a base di estratti vegetali con effetto calmante e rilassante. Spesso in questi prodotti sono presenti anche sostanze che proteggono i capillari: estratti di rusco, di hamamelis, ippocastano, centella asiatica. In alcune creme o gel si trovano i flavonoidi, sostanze lievemente astringenti, che riducono la ritenzione idrica.

Il movimento
L'attivita' fisica, oltre a favorire il consumo calorico e a ridurre l'accumulo di grassi, e' il miglior strumento per favorire la circolazione.
Per contribuire al riassorbimento dei liquidi che si accumulano negli arti inferiori, bisognerebbe camminare tutti i giorni a passo spedito, per almeno 30 minuti di seguito.
Tra le attivita' sportive, la piu' indicata e' il nuoto, perche' il corpo e' in movimento in posizione orizzontale e il flusso del sangue non ha problemi di risalita. In piu', l'acqua esercita un effettomassaggio che stimola la circolazione e favorisce il riassorbimento dei liquidi. Da svolgere almeno 3 volte la settimana per 30 minuti. • Anche andare in bicicletta, o fare bici da camera, stimola la circolazione delle gambe. Bisognerebbe pedalare per 40 minuti 3 volte la settimana.
Sono efficaci anche ginnastiche dolci, come il Tai chi chuan e il Qi Gong. La prima, nata come arte marziale, scioglie le articolazioni e migliora l'ossigenazione dei tessuti con movimenti armoniosi. Il Qi Gong si basa sul controllo del respiro: si eseguono esercizi associati all'emissione di suoni.

(fonte: Silhouette)

 

 

 

 

gambe

MAKEUP couperose

Salute cellulite e alimentazione

Cellulite l'automassaggio

Gambe sane e belle

Salute gonfiore gambe

Esercizi per gonfiore gambe

Salute gli sport anticellulite

Salute come tonificare le gambe

MAKEUP Salute agopuntura